Volontariato Sociale

La Nautica da Diporto al servizio della Pubblica Utilità e del Volontariato Sociale.

Tutto possibile, se risorse e passione e buoni propositi dei Soci di un Circolo Nautico diventano strumenti orientati anche al volontariato Sociale.

di V.Longobardo, Presidente del Circolo Nautico Diportisti di Pozzuoli “La Vita nel Mare”

“ La Vita nel Mare” è il nome del Circolo Nautico di Pozzuoli che, oltre alle consuete attività sportive e diportistiche, ha voluto fortemente dedicare una parte delle proprie risorse ad attività a sfondo sociale. L’idea nasce dalla volontà di condividere la passione per il mare con persone che per svariate ragioni non hanno la stessa fortuna di viverlo come noi. Noi tutti, Soci del circolo ma anche diportisti in genere, possiamo trascorrere in mare tutti il tempo che vogliamo e compatibilmente con gli impegni di lavoro e famiglia, cascasse il mondo, lo facciamo. E allora perché non dare la stessa possibilità a chi non può o a chi lo ha fatto in passato ed adesso non può più ? Questa è la domanda che ci siamo posti noi fondatori del Circolo. E mossi da altruismo, dal desiderio di essere anche al servizio di chi ha bisogno, abbiamo allargato i nostri orizzonti cercando di coinvolgere realtà locali sono già al servizio degli altri. Tra le organizzazioni operanti nel Comune di Pozzuoli ed abbiamo incontrato una eccellente struttura di accoglienza.  Puteoli Pro Vita Onlus con sede nella Curia di Pozzuoli svolge innumerevoli attività sociali con un altissimo valore aggiunto per la Comunità locale; tra queste vi è anche un centro di accoglienza diurna per anziani. In collaborazione con l’Associazione Onlus Puteoli Pro Vita abbiamo organizzato un evento unico nel suo genere. Insieme abbiamo letteralmente convinto il gruppo di anziani a venire in mare con noi. Un salto nel passato, quando l’età consentiva di vivere con disinvoltura il mare di questa bellissima Città. Il Circolo ha messo a disposizione le risorse e l’organizzazione, un amico del Circolo una stupenda imbarcazione e la Puteoli Pro Vita tutta l’assistenza necessaria; cosi sabato 12 Luglio dal porto turistico di Baia con un Carnevali 140 e bordo 15 persone tra gli Anziani, i responsabili del Centro ed alcuni Soci abbiamo mollato gli ormeggi per arrivare a Procida e fare il bagno alla Chiaiulella. Abbiamo circumnavigato e visitato l’isola Campana. Dopo un pranzo all’aperto ed un giro dell’isola ci siamo fermati nella Marina di Procida per gustare la famosa granita di limone.

Una giornata di mare stupenda ed indimenticabile, tanti sorrisi ma anche un tanta incredulità. Si incredulità dei simpaticissimi anziani che non vivevano una giornata cosi da chissà quando e che si sono visti regalare un pieno di emozioni fortissime da persone a loro più o meno sconosciute; ma incredulità anche da parte di quelle persone che ci hanno visti arrivare al molo, al ristorante ed al bar. Comprensibile, ma non è poi così difficile immaginare cosa stessimo facendo. Un Circolo Nautico può avere tante missioni che possono sicuramente fare il pieno di trofei e soddisfazioni importanti, ma niente può dare di più di occhi che sorridono resi felici da una semplice gita in barca. E nella nautica da diporto ci sono tutti gli ingredienti per poter soddisfare anche esigenze Sociali.

Con un buon progetto, un po di attenzione per il prossimo, le risorse finanziarie e soprattutto la voglia di fare, con la nautica da diporto si può anche fare volontariato Sociale ed essere di Pubblica utilità.

In brevissimo tempo (il circolo è stato fondato a Gennaio 2008) noi del Circolo “La Vita nel Mare” abbiamo intrapreso più di un progetto.

A supporto delle attività del Ser.t di S.Antimo che svolge attività di Pubblica Attività per conto della Regione Campania e della Asl NA3, stiamo partecipando al progetto di cura rivolto a persone svantaggiate dal disagio psico-sociale causato da problematiche legate alla dipendenza patologica di sostanze stupefacenti. Con le nostre imbarcazioni a vela ed a motore abbiamo organizzato uscite in mare settimanali diventando parte integrante di un percorso riabilitativo e di integrazione sociale. La navigazione e la vita di mare sono esperienze sorprendentemente rigeneranti, aggreganti e stimolanti. Alcuni di questi giovani, scoprono una passione, qualcun altro impara a navigare e individua un obbiettivo a medio termine per ottenere la patente nautica. Altri semplicemente socializzano uscendo dalla grave e pesante solitudine dove spesso involontariamente si rifugiano. Dunque la nautica, la vela, la pesca e più in generale la vita marinara possono essere strumenti di Pubblica Utilità e di supporto sociale.

“La Vita nel Mare”

V.Longobardo

Dillo al Presidente

Caro Associato,                       

fortunatamente non siamo più pochi! Si, da un lato oggi essere un gruppo di 140 soci è sicuramente positivo ed è una fortuna. Il contributo sia operativo che economico si fa sentire e ci da la possibilità di operare con successo e determinazione. Dal lato comunicativo invece diventa difficile sia arrivare a tutti sia ricevere da tutti una opinione, una perplessità, un suggerimento e perchè no anche una critica. E allora, visto che la modernità ci aiuta, usiamo anche internet ! Questo sito web è basato sulla tecnologia Blog, la quale ci da la possibilità di dialogare via web semplicemente iscrivendosi al blog e scrivendo tutto ciò che vogliamo arrivi in modo aperto e trasparente.  Questa pagina non è filtrabile volutamente, ed i commenti di ognuno di voi diventano subito visibili a tutti coloro che vi parteciperanno. Così come anche le risposte e gli interventi di tutti. Mi è sembrato il modo più diretto, aperto e democratico per impostare un efficace strumento comunicativo. Qualunque sia il quesito, il dubbio, la perplessità ed anche le critiche mosse al mio operato nonchè quello del direttivo che rappresento esponetelo pure qui!

Sarò lieto di rispondere e dialogare anche attraverso questo strumento.

Saluti V.Longobardo

Attività didattica

  • 1998/99: Corso di formazione ANDI sez. prov. di Ravenna per “Assistente di Studio Odontoiatrico”, presso il Centro di Formazione Professionale “E. Benedetti” di Ravenna.

 

  • 2000: Corso di Aggiornamento per Igienisti Dentali “Il controllo dell’infezione parodontale” presso il Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie Parodontali, Sezione di Clinica Odontoiatrica, Università degli Studi di Ferrara.

 

  • 2001: Corso di Aggiornamento per Igienisti Dentali “La strumentazione parodontale non chirurgica” presso il Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie Parodontali, Sezione di Clinica Odontoiatrica, Università degli Studi di Ferrara.

 

  • 2001/02: Corso per Assistente di Studio Odontoiatrico (corso 01/1528), sovvenzionato e patrocinato dalla Provincia con fondi del Fondo Speciale Europeo (FSE) ed organizzato dal Consorzio Provinciale per la Formazione (CPFP) in collaborazione con la Sezione Provinciale ANDI di Ravenna.

 

  • 2002: Corso di Aggiornamento per Igienisti Dentali “La strumentazione parodontale non chirurgica” presso il Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie Parodontali, Sezione di Clinica Odontoiatrica, Università degli Studi di Ferrara.

 

  • 2003/04: Corso per Assistente di Studio Odontoiatrico (corso 01/193), sovvenzionato e patrocinato dalla Provincia con fondi del Fondo Speciale Europeo (FSE) ed organizzato dal Consorzio Provinciale per la Formazione (CPFP) in collaborazione con la Sezione Provinciale ANDI di Ravenna.

 

  • 2003/2008: Contratto di insegnamento in Scienze tecniche e mediche applicate del Corso integrato di Igiene, Medicina preventiva e Prevenzione dentale II, presso il Corso di Laurea in Igiene Dentale dell’Università degli Studi di Ferrara.

 

  • 2004/2008: Contratto di insegnamento in Scienze tecniche e mediche applicate del Corso integrato di Igiene, Medicina preventiva e Prevenzione dentale I, presso il Corso di Laurea in Igiene Dentale dell’Università degli Studi di Ferrara.

Spese generali

Ridurre le spese generali

Ottimizzazione dei costi energetici

I costi energetici rappresentano una parte consistente delle spese generali di un?azienda, e la tendenza del mercato è contraddistinta da una continua variabilità dell?offerta difficilmente controllabile e gestibile.

La liberalizzazione del mercato elettrico e del mercato del gas offre la possibilità di identificare fornitori alternativi all?esistente e di negoziare con essi una serie di elementi commerciali significativi al fine di ottenere risparmi concreti e duraturi.

Alma Consulting Group Italia offre una gestione a 360 gradi della filiera del consumo energetico identificando sprechi, inefficienze, margini di miglioramento produttivo, vantaggi fiscali e progettando soluzioni innovative ed ecologiche.

La offerta

Alma Consulting Group Italia:

  • Analizza ed effettua il benchmarking dei contratti di fornitura;
  • Negozia e definisce le forniture per il futuro;
  • Monitorizza la fatturazione dell’anno in corso;
  • Ottiene la defiscalizzazione accise energetiche;
  • Gestisce la procedura ENEA per l’ottenimento della detrazione fiscale pari al 55%.

I benefici

  • Minor consumo energetico primario a parità di servizio reso;
  • Risparmio di tempo per l’azienda;
  • Trasferimento delle competenze all’azienda;
  • Defiscalizzazione delle accise energetiche;
  • Procedure ENEA.

Cause pene per i problemi

Frederic sanitario, il mio Sanitario che da Dortmund, spiega pene disfunzione è anche legato a Lousy biologico su come mangiare. Se si considera lesperienza del pene disfunzione e deve ingoiare pillole Viagra (25 mg, 50 mg e 100 mg), è necessario effettuare il test clinici formali per diagnosticare il motivo.
Ancora incidente cerebrovascolare potrebbe essere la causa di disfunzioni sessuali, come bene. Incidente cerebrovascolare è tra i principali motivi per la morte negli USA e in Germania. Se hai avuto un incidente cerebrovascolare ultimamente, potrebbe essere temporanea disfunzione erettile. In alcuni casi, di Sildenafil citrato (Viagra) potrebbe essere di grande successo e hanno una drastica risultato.
Ancora, non eccellente compromesso sulla vita sentimentale al di vecchiaia. Medio pazienti di età non superiore a godere la vita anche lamore! Il sesso è molto importante per gli uomini troppo vecchio e non vi è alcuna necessità di rinunciare alla vita sessuale, solo perché di età avanzata. Pillole come Viagra pillole dovrebbero aiutare a raggiungere il vostro pene erezione del pene, se si verificano disfunzioni.

Coppa America 2011 inizia lArgentina di Messi e Lavezzi

Questa sera ha inizio la Coppa America 2011 con la prima partita al Estadio Unico di La Plata tra i padroni di casa dellArgentina e la Bolivia. Nellarco di un mese scenderanno in campo tutti i talenti del calcio sudamericano, alcuni di loro tra i migliori di tutto il panorama calcistico mondiale. Ventisei partite in totale, dodici squadre partecipanti raggruppate in tre gironi da quattro: un mare di emozioni tutte godibili attraverso la copertura televisiva esclusiva di Sky Sport.

Si comincia appunto questa notte, ore 02:45 ora italiana, tra lAlbiceleste di Lionel Messi contro la selezione boliviana che dà il meglio soltanto quando gioca in altura: la Nazionale argentina è chiamata alla vittoria del trofeo dal momento che manca in bacheca dal 1993. Laltra compagine favorita alla vittoria finale è, manco a dirlo, il Brasile della Geraçao Noventa (Generazione degli anni Novanta) Ganso, Neymar e Lucas.

La cura del paziente in Odontoiatria. Terapie e profili di responsabilità

La gentile offerta degli Autori di presentare quest’opera così ricca e densa di dottrina e di sapienza professionale mi ha particolarmente interessato perché mi ha dato la “gratificante” opportunità di leggere con effettiva e non contingente attenzione ogni parte di questa ottima guida per il medico odontoiatra, sempre più smarrito, come ogni altro specialista, negli insidiosi meandri della vicenda curativa ormai connotata da rischi e d a conflitti non esorcizzabili solo con un esercizio culturalmente adeguato e tecnicamente perfetto.
E’ pertanto provvida l’idea di richiamare, già nel titolo della monografia così come nella prefazione a cura degli Autori, l’inscindibile rapporto tra terapia e responsabilità nella cura, bene intesa, mi pare, nella classica accezione anglosassone propria del to care, stimolando così una ricerca che si articoli e si sviluppi dalla preliminare accettazione del significato vero e genuino (etimologico prima che giuridico) di responsabilità, che sottende la capacità, vorrei dire l’orgoglio professionale, di rendersi razionalmente ed emotivamente partecipi della vicenda curativa intrapresa, nella consapevolezza di un rapporto complesso cui sono componenti essenziali la dignità e l’autonomia del paziente.
La responsabilità in altri termini è un valore che assume ed innerva la cura in re ipsa e non è solo, come si usa pigramente ritenere, una conseguenza negativa di un atto diagnostico-terapeutico non riuscito o comunque contestato.
Sulla base di questo convincimento, l’esposizione giuridico-deontologica ha preceduto quella tecnicamente inerente la attività professionale, quasi a voler costruire una fisionomia ed una divisa morale dell’odontoiatra, consone al tempo che viviamo e al malessere che ne connota il riflesso sull’esercizio tutorio della salute: che può essere se non vinto quanto meno accettato non solo a fini di prevenzione(far, di necessità, virtù!), ove chiaramente e lucidamente considerato nelle sue cause intrinseche ed estrinseche e, soprattutto, esattamente raffrontato con i bisogni della società e con le regole poste a difesa del cittadino. La rigorosa e chiarissima enunciazione dei momenti medico-legali ed etico-deontologici della vicenda odontoiatrica assume così, e serenamente, il senso e il fine di una informazione-formazione umanistica e comportamentale essenziale per l’assunzione della responsabilità, per vivere cioè responsabilmente l’esercizio professionale: in un modo molto più produttivo della lamentosa invettiva e della trepida fuga dal “maggior” rischio, ancorché essenziale al progresso o alla soluzione di casi difficili. E così viene offerta all’odontoiatra la chiave di lettura delle attese, delle speranze e degli insopprimibili rischi professionali rischiarata dalle illuminanti sorgenti della deontologia e del diritto alimentate dalla esigenza di garantire alla comunità e al singolo paziente e di esigere dall’operatore prestazioni sorrette da diligenza, prudenza, perizia, da rispetto dell’autonomia della persona, da attenzione profonda alle implicazioni economiche e sociali delle scelte terapeutiche.
Siffattamente ho inteso, leggendola, la bella panoramica sul corretto esercizio della odontoiatria che ne definisce i presupposti legali, le coordinate operative, le implicazioni relazionali tra curante e paziente nei termini della tutela della libertà individuale (consenso informato), della privacy, della sicurezza, che scolpisce i termini ontologici della responsabilità, prima di quelli giudiziari e disciplinari, in un aggiornata, ordinata, lucida sequenza di norme e di decisioni giurisprudenziali. Di citazioni bibliografiche meritevole di essere non solo sottolineata ma anche sinceramente ammirata.
La seconda parte del volume si articola nelle varie situazioni diagnostico-terapeutiche proprie della moderna odontoiatria, fornendo per ogni vicenda considerata, delle semplice e sagge linee-guida, utili per far bene e per evitare inutili rischi a ciascuno dei due protagonisti dell’avventura curativa. Ed è questo un dono prezioso cui il lettore può attingere anche per prevenire eventuali responsabilità, questa volta intese nella accezione più temuta e affliggente.
Sarà una deformazione professionale propria del medico legale da cui chi scrive è certamente affetto, ma mi sembra che gli insegnamenti qui prefissi siano utili non solo per l’odontoiatra che non può non conoscere la propria mentalità sanitaria, ma anche per chi è chiamato a valutare con severità consapevole l’operato del collega chiamato a risponderne, soprattutto, per chi si va formando come operatore e come specialista, cui non bastano più la perfezione tecnica e la padronanza metodologica. Ed è davvero bene che sia così!

Mauro Barni
Professore Ordinario di Medicina Legale e delle Assicurazioni, Università di Siena
Componente della Commissione per la Deontologia della FNOMCeO
Componente del Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB)

Oneri fiscali

Generare nuove liquidità

Migliorare il risultato operativo e l’efficienza globale del funzionamento dell’aziende a lungo termine, alleggerire il peso fiscale di alcune imposte e tasse, generare liquidità per finanziare investimenti e promuovere la crescita: tutti vantaggi di cui può beneficiare il cliente grazie al supporto di Alma Consulting Group, per meglio gestire la propria attività.

Tra i principali obiettivi delle aziende risiede anche il controllo degli oneri fiscali perché questi costi incidono in maniera diretta e consistente sui profitti. Il calcolo e il controllo dell’imposta comunale sugli immobili (ICI), della tariffa igiene ambientale (TIA) e della tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU) richiedono un’approfondita conoscenza multidisciplinare in materia fiscale, catastale e giuridica.

La consulenza proposta da Alma Consulting Group Italia permette alle aziende di verificare e ottimizzare gli oneri legati alla fiscalità locale intervenendo sulla base imponibile.

I benefici

Con Alma Consulting Group Italia è possibile:

Migliorare la gestione globale del patrimonio e ridurre i costi

  • Gestendo con cura le immobilizzazioni;
  • Realizzando attività di audit sulla fiscalità locale;
  • Ricercando aiuti e sovvenzioni legati agli investimenti.

Alleggerire il peso degli oneri fiscali

  • Analizzando la specifica situazione impositiva;
  • Identificando ed ottenendo diversi crediti d’imposta.

I mezzi a disposizione

  • Un team multidisciplinare: auditor specializzati, esperti contabili, ingegneri, geometri;
  • Strumenti tecnici complessi: banche dati personalizzate e software di simulazione per il calcolo delle imposte dovute.

I servizi e Prodotti

Qui di seguito troverai elencati alcuni dei servizi proposti da Il Tocco Magico:

  • taglio personalizzato
  • trattamenti per il cuoio capelluto
  • trattamenti per i capelli
  • colorazione
  • colorazione organica con olio colorante FUENTE, per chi vuole provare lemozione del colore organico sui propri capelli
  • permanente
  • meches
  • colpi di sole
  • messa in piega
  • estensioni
  • trattamenti rilassanti cutanei
  • messa in piega con la piastra
Acconciature per la sposa
servizi personalizzati per capelli, prevenzione caduta dei capelli, tagli moda

Il Tocco Magico sarà a tua completa disposizione per aiutarti a scegliere il look nel giorno più importante della tua vita. Lo staff del salone di parrucchieri esegue infatti splendide acconciatura per la sposa. Che tu voglia unacconciatura sofisticata e classica, oppure più originale e trendy, Il Tocco Magico, per il giorno del tuo matrimonio, saprà renderti davvero bellissima.

Trattamenti e linee per capelli

Di seguito troverai elencati alcuni dei trattamenti curativi effettuati dal salone ed alcune delle linee di prodotti utilizzate:

 

  • Linea John Master: i prodotti appartenenti a questa linea sono tutti organici e naturali, privi di sostanze nocive e rispettosi dellambiente.
  • Linea Argan Oro Fluido: con i prodotti della LInea Argan Oro Fluido i tuoi capelli diventeranno leggeri, luminosi e setosi.
  • Oro Fluido Colore: colorazione senza ammoniaca e permanente, garantisce lucentezza e la completa copertura dei capelli bianchi.
  • Tierra: tinta per capelli a base vegetale, priva di ammoniaca e in grado di donare benessere e salute al cuoio capelluto.
  • Truffle By Fuente: prodotto prestigioso, realizzato con la polvere di diamante e il tartufo bianco, capace di dare elasticità e bellezza ai capelli.
  • Strumenti Bio Ionic: prodotti naturali, con funzione antibatterica e in grado di donare idratazione e lucentezza.

Prefazione

L’idea di un contributo specifico al tema della responsabilità dell’odontoiatra è nata, prima ancora che da personali interessi scientifici, dalla percezione in occasione di incontri e seminari di una diffusa e sentita esigenza di “conoscenza” manifestata da questa categoria di professionisti.
Ed invero, la rapida evoluzione tecnologica che in questi ultimi anni ha caratterizzato l’odontoiatria non ha affatto contribuito a ridurre, o quantomeno a contenere, il contenzioso giudiziario.
Anzi, la crescita delle cause civili e penali è quasi esponenziale – come del resto, la litigiosità in genere nei confronti degli esercenti la professione sanitaria – favorita in parte dalla enfatizzazione che del fenomeno viene fatta dai mass-media e in parte dalla fallace convinzione che l’insuccesso del trattamento terapeutico sia sinonimo di “colpa” del professionista: una convinzione tanto più radicata in ambito odontoiatrico proprio per la prevalenza degli interventi di elezione, spesso diretti a superare condizioni non strettamente correlate alla salute classicamente intesa, ma a soddisfare esigenze personali.
La giurisprudenza, dal canto suo, in sede di accertamento della colpa del sanitario ha da tempo abbandonato (e crediamo a ragione) gli originari atteggiamenti di “indulgenza” e di “benevola comprensione”: tuttavia la “larghezza di vedute” con cui doveva essere affrontato il giudizio sulla responsabilità medica ha ceduto il passo ad una intransigente severità fondata sui principi giuridici, teoricamente estranei al nostro diritto, della res ipsa loquitur o della responsabilità sine culpa.
Questo volume nulla vuole aggiungere alla copiosa ed autorevole trattatistica medico-legale già esistente in argomento, né ha la presunzione di fornire una risposta alla domanda “cosa fare” per arginare o, meglio ancora, prevenire il contenzioso con il paziente: anche se, ne siamo certi, una delle necessarie strade da percorrere per avvicinarsi a quest’ultimo obiettivo sia quella di una profonda rivisitazione del tradizionale rapporto odontoiatra-paziente alla luce del “consenso informato”, cardine imprescindibile di ogni relazione di cura.
Più semplicemente, abbiamo voluto fornire uno strumento di approccio, per quanto possibile agile e sintetico, a questo tema di scottante attualità, unendo le personali specifiche competenze, ovvero quella giuridica e quella odontoiatrica.
Non restano che i ringraziamenti, in particolare a tutti coloro che hanno gentilmente contribuito a fornire il supporto iconografico che come ben si comprende, è sovente di gran lunga più esplicito ed esaustivo di qualsivoglia considerazione scritta.

gli Autori